La via fluida e il federalismo dei bisogni

La via fluida e il federalismo dei bisogni

Pubblicazione: giugno 2017
Casa editrice: Streetlib
IBS:Vai
Viviamo in un’epoca di grande nervosismo. Si avverte un decadimento del benessere pressoché continuo, una compressione della classe media accompagnata da incertezze verso il futuro. Ma non esistono davvero spazi per pensare a qualcosa di nuovo? La via fluida lascia libera la mente di seguire alcuni sguardi che non si preoccupano di rispettare i paradigmi cardini delle strutture sociali delle moderne democrazie occidentali. Capita allora che alcuni cittadini consumatori, piuttosto che recarsi alle urne per esprimere un voto ormai debole, esercitino invece un acquisto collettivo di servizi di governo. Oppure succede che una comunità, senza dover traslocare, ritenga di poter aderire allo stato che più le si attanaglia, superando quello che viene definito il “ricatto territoriale”. Fa la sua comparsa poi un nuovo federalismo costruito sui bisogni piuttosto che su logori contorni territoriali. Fluidificare la società, fludificare i confini? Che sia un’opportunità per alleggerire straordinari concentrati di interessi. Che sia un’opportunità per liberalizzare non merci e capitali, ma offerte di servi e governi? Qui non si vendono verità ma stimoli per provare a pensare qualche cosa di nuovo.

artalica11

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

"Albero chi?" senso dell'iniziativa

Mer Giu 26 , 2019
Albero chi? Carattere e mitologia degli alberi L’approccio dell’uomo al mondo vegetale e in particolare agli alberi è una questione complessa, dalle mille facce e mille interpretazioni. Parliamo di un rapporto che si è sviluppato seguendo logiche completamente diverse e talvolta opposte. Se oggi la modernità “occidentale” tende a concentrarsi […]